Acerbi "abbraccia" Bakayoko: "Basta polemiche, ci rivedremo sul campo"

Acerbi abbraccia Bakayoko: Basta polemiche, ci rivedremo sul campo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Aprile Apr 2019 10 giorni fa

Il difensore della Lazio, Francesco Acerbi, spegne una volta per tutte il caso legato al gesto con cui Bakayoko e Kessie lo avevano preso in giro mostrando la sua maglia sotto la curva del Milan: "Basta polemiche, ci rivedremo sul campo"

Pace fatta. Dopo il caso dello "scalpo" della maglia di Acerbi mostrata in modo irriverente da Kessie e Bakayoko al termine di Milan-Lazio, il difensore biancoceleste ha pubblicato un post su Twitter per dirimere la questione. "Basta polemiche, ci rivedremo sul campo", ha scritto il centrale cresciuto nel settore giovanile rossonero. Significativa l'immagine scelta da Acerbi per seppellire l'ascia di guerra, ovvero la foto scattata a inizio partita del suo abbraccio con Bakayoko. Un bellissimo gesto che contribuisce a rasserenare gli animi dopo quanto successo sabato sera a San Siro. Subito dopo il fischio finale, l'ex centrocampista del Monaco aveva scambiato la sua maglia con Acerbi per poi esibirla come un trofeo davanti al pubblico di casa.

Un gesto che il sottosegretario allo Sport, Giancarlo Giorgetti, aveva definito "stupido e inqualificabile", augurandosi i "giusti provvedimenti" da parte della giustizia sportiva. Anche l'allenatore del Milan, Rino Gattuso, si era schierato dalla parte di Acerbi, così come l'attaccante laziale Ciro Immobile che non si era fatto troppo problemi nel definire Kessie e Bakayoko "due piccoli uomini". Parole durissime che avevano scatenato la rabbia social dei tifosi milanisti. Alcuni di loro erano andati oltre, arrivando a insultare le due figlie del centravanti della Nazionale, ottenendo in cambio la reazione infuriata della moglie di Immobile, Jessica Melena, che aveva diffuso su Instagram una storia dove minacciava di "tagliare gli attributi" a quei "tifosi" che avevano offeso le sue bimbe, Michela e Giorgia.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Tags

Commenti

Commenta anche tu