Incendio Notre-Dame, Trump: "Usare aerocisterne". Ma gli esperti: "Più dannoso"

Incendio Notre-Dame, Trump: Usare aerocisterne. Ma gli esperti: Più dannoso
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Aprile Apr 2019 9 giorni fa

Secondo alcuni esperti l'utilizzo di mezzi aerei potrebbe essere addirittura più dannoso, sia per la presenza di vigili del fuoco all'interno della cattedrale, sia per la precaria situazione della struttura

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha suggerito l'utilizzo di aerocisterne per domare le fiamme che stanno distruggendo la cattedrale di Notre Dame, a Parigi. "Bisogna agire in fretta", ha scritto su Twitter il presidente statunitense Donald Trump. "È terribile vedere l'enorme incendio nella cattedrale di Notre Dame. Forse aerocisterne potrebbero essere usate per spegnere le fiamme", ha suggerito il capo della Casa Bianca.

Secondo alcuni esperti però l'utilizzo di mezzi aerei potrebbe essere addirittura più dannoso, sia per la presenza di vigili del fuoco all'interno della cattedrale, sia per la precaria situazione della struttura. La causa dell'incendio è ancora sconosciuta, anche se i media francesi hanno riferito che potrebbe essere collegata ai lavori di ristrutturazione eseguiti nel punto più alto della chiesa. Trump è stato informato dell'incendio alla cattedrale parigina mentre era a bordo dell'Air Force One in rotta verso il Minnesota per una tavola rotonda sui tagli alle tasse e sull'economia degli Stati Uniti.

"La velocità media di propagazione del fuoco sul legno è di 0,7 millimetri al minuto, ma essa dipende in misura determinante da elementi quali la specie legnosa, la massa volumica, l'umidità e altri fattori fisico-chimici", ha spiegato la ricercatrice de Cnr-Ibimet, Giovanna Bochicchio, intervendo all'Adnkronos. "Nel caso di copertura a capriata, in particolare, la struttura reticolare fa sì che le travature vengano attaccate dalle fiamme su tutti e quattro i lati, riducendo la sezione residua e aumentando notevolmente il rischio di crolli".

Commenti

Commenta anche tu