"Lui è superdotato e il suo pene ha ucciso mia figlia". Ma le misure lo scagionano

Lui è superdotato e il suo pene ha ucciso mia figlia. Ma le misure lo scagionano
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Aprile Apr 2019 4 giorni fa

Il padre della donna morta per un attacco epilettico in seguito a un rapporto sessuale ha accusato il genero di averla uccisa per via delle dimensioni del suo organo sessuale

"Lui è un superdotato e il suo pene ha ucciso mia figlia". Il padre di una donna morto per un attacco epilettico in seguito a un rapporto sessuale ha accusato il genero di averla uccisa per via proprio delle dimensioni del suo organo sessuale.

Un accusa peraltro del tutto infondata e che ha costretto il genero a mostrare agli inquirenti il suo organo per essere scagionato dalle accuse. E solo una volta condotta la verifica intima, l'uomo è stato rilasciato: "Le dimensioni dell'organo sessuale del marito della defunta non sono in grado di uccidere nessuno", hanno sentenziato gli inquirenti, come riportato dal Tempo.

Una storia assurda che arriva dall'Indonesia, dove a perdere la vita è stata una ragazza che soffriva di attacchi epilettici fin dall'adolescenza. L'ultimo subito, in seguito a un rapporto sessuale, le è stato fatale. E suo papà si era convinto che il pene del genero fosse il colpevole della dipartita.

Niente di più falso: le misure dell'uomo sono nella media. E, ora, dopo un processo surreale, i due uomini piangono in ricordo dell'amata Jumantii.

Commenti

Commenta anche tu