Aretha Franklin, la regina del soul ha vinto un Premio Pulitzer

Aretha Franklin, la regina del soul ha vinto un Premio Pulitzer
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Aprile Apr 2019 7 giorni fa

Alla cantante, scomparsa a 76 anni lo scorso 16 agosto, è stata assegnata la Special Citation postuma del prestigioso premio

Aretha Franklin è stata la regina del soul e dell’impegno civile. La cantante, scomparsa a 76 anni lo scorso 16 agosto fulminata da un cancro al pancreas, è stata insignita del Premio Pulitzer postumo. Il comitato scientifico della più prestigiosa onorificenza per il giornalismo, i successi letterari e le composizioni musicali ha conferito una “Special Citation” alla voce che ha rinnovato il pop senza tradirne le radici black.

La Franklin è stata premiata per “il suo indelebile contributo alla musica e alla cultura americana per più di 50 anni”, si legge in una nota ufficiale della giuria. Si tratta anche della prima donna a ricevere la “Special Citation” dei Pulitzer nelle arti: prima di lei, in campo musicale, era toccato soltanto a George Gershwin, Duke Ellington, Theolonious Monk, John Coltrane, Bob Dylan e Hank Williams.

Aretha Franklin ha vinto il Premio Pulitzer

Definita la voce dell’America, Aretha è stata un simbolo dell’impegno civile. Nonostante avesse abbandonato da tempo i concerti benefici contro il razzismo, non aveva mai voltato del tutto le spalle alla musica. “Sono soddisfatta delle cose che ho realizzato e del punto in cui la mia carriera è arrivata, per questo la mia unica aspirazione è sedermi e non fare nulla”, aveva raccontato divertita in un’intervista rilasciata per l’emittente televisiva di Detroit Wdiv Local 4 poco prima della sua morte.

Il Pulitzer non è il primo premio importante arrivato a coronamento di una carriera leggendaria: la cantante di brani memorabili come “I Never Loved a Man”, “Respect”, “Think” e “Dr Feelgood” aveva ricevuto in vita la laurea honoris causa in musica a Yale. Non solo: il 3 gennaio 1987 è stata la prima donna a entrare a far parte della Rock and Roll Hall of Fame e nel 2004 figurava in quarta posizione nella lista dei 100 più grandi artisti di tutti i tempi stilata dal magazine ‘Rolling Stone’.

Tags

Commenti

Commenta anche tu