Europee, Zingaretti: "Se vincono le destre la nostra vita peggiorerà"

Europee, Zingaretti: Se vincono le destre la nostra vita peggiorerà
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Aprile Apr 2019 8 giorni fa

Parlando con la stampa estera, il segretario Pd Nicola Zingaretti ha detto che "se vincessero le destre le condizioni di vita degli europei peggiorerebbero moltissimo". E sulla presidente dell'Umbria indagata: "No provvedimenti"

Contro il fronte sovranista, ma a favore della presidente dell'Umbria indagata per avere fatto una raccomandazione per un concorso regionale. Nel suo incontro con la stampa estera, il segretario Pd Nicola Zingaretti ha usato due pesi e due misure, attaccando le destre in caso di vittoria delle quali "le condizioni di vita dei cittadini europei peggiorerebbero moltissimo" e difendendo a spada tratta la dem Catiuscia Marini, nei confronti della quale "non ci sono provvedimenti all'ordine del giorno".

"Sono contento non solo della mia elezione personale, ma del fatto che oggi riproponiamo la forza di un partito che nella giornata delle primarie ha ottenuto un risultato straordinario", ha esordito il leader del Pd. Che, subito dopo, ha parlato delle elezioni europee. "Ora vogliamo giocare la nostra parte e in vista delle Europee vogliamo affrontare questo appuntamento con il massimo di determinazione e innovazione per fermare il rischio dell'affermazione delle destre. Dobbiamo ridare all'Italia il suo ruolo centrale nel mondo denunciando l'isolamento a cui ci sta portando la politica del governo. Combatteremo perchè siamo coscienti che il problema principale di questo Paese è l'assenza di una visione per lo sviluppo".

"Se vincono le destre è un disastro"

Nonostante i sondaggi diano il fronte europeista in netto calo rispetto a cinque anni fa, il governatore laziale si dichiara ottimista. "Sono quasi certo che il nuovo Parlamento europeo sarà caratterizzato da una maggioranza di forze europeista con una maggiore consapevolezza di investire su crescita e lavoro e uscire da una stagione di politiche che hanno danneggiato tutti". Poi l'attacco ai sovranisti: "Se vincesse una ipotesi nazionalista, le condizioni di vita degli europei peggiorerebbero moltissimo". Per Zingaretti, l'affermazione alle Europee delle destre rischierebbe di porre fine all'esperienza comunitaria. "In queste elezioni si scontrano due ipotesi: una che vuole disintegrare l'Europa e che usa la paura come grimaldello. Una deriva molto pericolosa per gli europei. L'unica possibilità per vivere in pace è battersi per un vero protagonismo europeo".

"Con questo governo rischiamo l'isolazionismo"

Ma il segretario Pd ha parlato anche dell'Italia e del "pericolo di isolazionismo" che il nostro Paese correrebbe con il governo attualmente in carica. "Incardiniamo la nostra proposta politica volendo dare all'Italia la collocazione che merita a livello internazionale contro un pericolo di isolazionismo". Da parte dell'esecutivo "c'è l'assenza di una politica di sviluppo da parte di chi ci governa, ci sono due opposte visioni che hanno portato ad essere ultimi in Europa per crescita. Paghiamo il costo dell'incertezza perché su ogni tema in agenda non riusciamo ad avere una posizione e questo sta marginalizzando il nostro Paese" che non merita "marginalità" e invece "ho la sensazione che abbia perso la bussola".

"Nessun provvedimento per la presidente indagata"

Come prevedibile, Zingaretti ha usato un approccio più morbido sullo scandalo che ha colpito in Umbria, con l'arresto del segretario regionale del Pd, Gianpiero Bocci, e dell'assessore regionale alla Salute e alla Coesione sociale, Luca Barberini, per presunte irregolarità commesse in un concorso di una delle aziende sanitarie locali umbre. "Al di là delle evidenze o meno delle indagini, credo vada riaperta in Italia una discussione che riguarda l'idea stessa della gestione del potere, che va gestito per servire i cittadini. Per quanto riguarda Perugia so che c'è un consiglio regionale convocato - continua il segretario Pd - e confido nell'autonoma capacità di valutazione e senso di responsabilità della presidente Marini perchè faccia ciò che è utile all'Umbria e alla sua comunità". Provvedimenti nei confronti della governatrice? "Non ci saranno", conclude il segretario Pd.

Tags

Commenti

Commenta anche tu