Scaffale Atm per scaricare libri e fumetti senza pagare

Scaffale Atm per scaricare libri e fumetti senza pagare
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Aprile Apr 2019 3 giorni fa

Siamo la «città del fumetto», già proprio così. E il Comune, in collaborazione con Atm, lancia l'edizione 2019 di «Milano da Leggere», l'iniziativa delle Biblioteche di Milano per disseminare occasioni di lettura, da cogliere in modo semplice e gratuito. Da venerdì 19 (e fino al 30 giugno) compariranno in giro per la metropoli, nei mezzanini e nelle carrozze della metropolitana, i manifesti che invitano a scaricare tramite un «QRcode» i libri presenti nello scaffale virtuale.

La novità di questa edizione è il linguaggio: per rappresentare la città si sono scelte le immagini e le parole di dodici tra fumetti e graphic novel, omaggiando un genere sempre più diffuso per raccontare mondi, reali e immaginari. Come si diceva la città può essere considerata «città del fumetto». La riprova sono le numerose case editrici specializzate che vi hanno sede, per la presenza di un museo dedicato (Wow Spazio Fumetto) e per la storica scuola del Castello Sforzesco. La nuova iniziativa si inserisce in questo quadro con un rapporto ancora più diretto con la città, non solo perché i titoli che propone hanno sempre un legame forte con Milano, ma anche perché permette ai cittadini di leggere gratuitamente i libri scaricati.

Grandi personaggi dei fumetti sono infatti creazioni di indimenticabili artisti milanesi: per esempio Guido Crepax con la sua Valentina, protagonista di surreali incontri nel metro, un omaggio dell'autore ai grandi maestri del fumetto; le sorelle Angela e Luciana Giussani, creatrici di Diabolik, presentato in edizione speciale con una recente storia inedita a firma di Mario Gomboli e un'avventura ambientata proprio a Milano; Grazia Nidasio, autrice della saga di Valentina Mela Verde, adolescente milanese degli anni Settanta; Guido Nolitta, alias Sergio Bonelli, ideatore di Mister No, di cui si ripropone il primissimo numero che risale al 1975.

Commenti

Commenta anche tu