Furto d'identità per l'arbitro Turpin: narcotrafficanti gli intestano un'auto

Furto d'identità per l'arbitro Turpin: narcotrafficanti gli intestano un'auto
Inside Over
20 Aprile Apr 2019 20 aprile 2019

L'arbitro di Juventus-Ajax ha subito un furto da parte di una banda: il suo nome è stato usato per trasportare droga, armi e denaro

Sull'arbitraggio di Clément Turpin in Juventus-Ajax non ci sono state molte polemiche, anche perché si è dimostrato sempre aperto e disponibile ad una revisione delle sue decisioni al VAR. Ma si è verificato un episodio extra-calcistico molto sgradevole nei suoi confronti: il direttore di gara è stato vittima di un furto di identità. Una banda di narcotraffianti ha utilizzato il suo nome per acquistare un'automobile attraverso cui trasportare droga, armi (come lanciarazzi, kalashnikov e tre pistole) e denaro dalla Francia al Belgio e viceversa.

Il furto d'identità

Una Renault Laguna grigia apparteneva da dicembre 2015 a un certo Clement Turpin, nato a Parigi il 14 marzo 1982 e domiciliato a Noisy-le-Sec; il fischietto transalpino è invece nato il 16 maggio 1982. Inoltre le forze dell'ordine, mediante le perquisizioni relative alle indagini del caso, hanno rinvenuto un milione di euro in contanti e beni per 600mila euro.

Sull'episodio è intervenuto direttamente Turpin, che ha dichiarato: "Confermo che non vivo a Noisy-le-Sec e che non ho un appartamento o un castello. E confermo anche che non ho nulla a che fare con questo caso. Cosa mi fa pensare questa storia? Che quello dell'arbitro, e lo dico spesso, è una professione molto rischiosa".

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Tags

Commenti

Commenta anche tu