Bambina senza mani vince il concorso di calligrafia

Bambina senza mani vince il concorso di calligrafia
Inside Over
25 Aprile Apr 2019 25 aprile 2019

Negli Stati Uniti una bimba senza mani ha vinto un concorso nazionale di calligrafia dedicato agli studenti che scrivono meglio in corsivo

Un concorso che premia la migliore calligrafia tra gli studenti nel Maryland: un riconoscimento che molti studenti cercano di conquistare ma solo uno tra tanti riesce a raggiungere. E proprio una bambina di 10 anni ha vinto il premio, meritandolo ancora di più, considerato che non ha le mani.

Sara Hinesley, questo il suo nome, è nata in Cina e due anni fa si è strasferita negli Stati Uniti, dove frequenta la St. John Regional Catholic School di Frederick. Una studentessa eccellente e, di recente, ha vinto il 'Zaner-Bloser National Handwriting Contest', un premio ambito a livello nazionale che viene dato a chi ha una capacità notevole nello scrivere in corsivo.

A WJZ, un quotidiano locale, la bambina ha spiegato come non c'è nulla che lei non possa fare, al pari di tutti i bambini della sua età; in particolare le piace giocare e guardare la TV. Inoltre, ha aggiunto: "Penso che sia un po’ difficile - a volte facile e talvolta difficile - perché non ricordi davvero tutte le lettere da scrivere. Le cose che non posso fare, provo a capire come posso farle e faccio del mio meglio per farle funzionare".

Sara deve anche ringraziare la sorella Veronica che le sta accanto e la aiuta tanto; ha costruito per lei persino una mano artificiale, facendole compiere un ulteriore passo avanti verso l'autostima e il superamento delle difficoltà che, giorno per giorno, si trova a dover affrontare.

La bambina è anche una brava artista e, grazie a questa sua dedizione alla scrittura, è riuscita a entusiasmare tutti, anche la sua preside, Karen Smith, che ha definito sorprendente questa sua capacita, considerata la disabilità fisica. Infine, la stessa Sara dimostra tenacia dicendo che prova a fare del suo meglio e, alla fine, i risultati le danno ragione.

Tags

Commenti

Commenta anche tu