La Lega sfida i 5 Stelle: "La Tav è una priorità"

La Lega sfida i 5 Stelle: La Tav è una priorità
Inside Over
9 Maggio Mag 2019 09 maggio 2019

Torna sul tavolo del governo gialloverde la questione Tav. La Lega è di nuovo in pressing e la inserisce tra le opere "prioritarie" ed "emergenziali"

La Lega torna alla carica sulla Tav. Dopo una fase di "gelo" e di "stallo" da parte del governo gialloverde sulla realizzazione dell'alta velocità Torino-Lione, arriva un'accelerazione da perte della Lega che con un emendamento riapre lo scontro. L'emendamento presentato dal Carroccio al decreto Sblocca cantieri pone la Tav come un'opera prioritaria ed emergenziale. Il governo, soprattutto dopo le pressioni grilline, aveva cercato di congelare i bandi. Adesso il Carroccio sfida nuovamente i Cinque Stelle. In una proposta di modifica al dl all’esame della Commissione Lavori pubblici e Ambiente, a prima firma Pergreffi, si dispone per un elenco di opere "prioritarie ed emergenziali" la nomina di uno o più commissari straordinari. Nell’elenco di questi interventi infrastrutturali ci sono: i "corridoi internazionali Ten-T" come appunto la Tav Torino-Lione, "valichi alpini", "tratte ferroviarie internazionali", "opere stradali Strada Statale 36 e Strada Provinciale 72" per le Olimpiadi invernali 2026 e il "porto di Pescara".

Insomma la Lega, a quanto pare, ha nuovaemnte messo in cima alle sue priorità di governo la realizzazione della Torino-Lione che qualche mese fa era invece passata in secondo piano. E su questo punto interviene anche Forza Italia con la capogruppo al Senato Anna Maria Bernini: "C’è un limite a tutto. Lo scorso 7 marzo il governo Lega-5Stelle ha bloccato il Tav impegnandosi a rivedere un trattato internazionale già ratificato dal Parlamento sulla base di un’analisi costi benefici creata a tavolino. Che oggi, alla vigilia delle elezioni europee, Salvini arrivi a dire che il Tav è una priorità non è altro che un modo per monopolizzare il dibattito. Basta con questa dittatura dei litigi, basta con il blocco dei cantieri. L’unico cantiere che andrebbe chiuso definitavamente è quello di questo governo che si è appaltato in affidamento diretto la gestione del Paese senza alcun mandato dagli elettori. Non capisco come la Lega possa far parte di un governo che blocca il Tav e le opere pubbliche e poi raccontare che tutto ciò è una priorità: la realtà purtroppo smentisce". Insomma la Tav torna ad agitare le acque della maggioranza. E lo scontro, dopo le liti per la revoca dell'incarico a Siri, potrebbe avere esiti pesanti sulla tenuta del governo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu