Fedriga punge Saviano: "La polizia ti protegge e tu attacchi gli agenti"

Fedriga punge Saviano: La polizia ti protegge e tu attacchi gli agenti
Inside Over
10 Maggio Mag 2019 10 maggio 2019

Il governatore del Friuli non le manda a dire a Saviano: "Una persona che è tutelata dalla Polizia di Stato umilia le nostre forze dell’ordine"

Le parole di Roberto Saviano sulle forze dell'ordine e la risposta per le rime degli agenti di fatto continua a far discutere. Nel botta e risposta tra lo scrittore e la polizia di Stato si è inserito il governatore del Friuli Venezia Giulia della Lega, Massimiliano Fedriga. Il governatore del Carroccio "rinfresca" la memoria a Saviano e lo critica per gli attacchi alle forze dell'ordine che tutti i giorni con il loro lavoro cercano di garantire la sicurezza: "Una persona che è tutelata dalla Polizia di Stato umilia le nostre forze dell’ordine facendole passare come degli sgherri del ministro degli Interni. È inaccettabile nei confronti di quegli uomini e donne che si mettono a disposizione per garantire la sicurezza dei cittadini. Questa intellighenzia di sinistra che umilia le forze dell’ordine ha una responsabilità atroce verso il clima di tensione che si continua a creare. Saviano è tutelato anche lui dalle forze dell’ordine, dovrebbe ringraziare", ha affermato l'esponente leghista a "Tribù-Europa 19" su Sky Tg24.

Fedriga poi ha rincarato la dose: "Sorprende - ha proseguito Fedriga - che invece non si parli delle minacce che subisce il ministro dell’Interno. Ci hanno dato fuoco alle sedi, buttato bombe carta e poi saremo noi i violenti e i fascisti". Insomma il botta e risposta tra Saviano a polizia ha scatenato una bufera anche politica. Ma la migliore risposta agli attacchi dello scrittore è quella data dalla polizia: "La polizia di Stato serve il Paese e non è piegata ad alcun interesse di parte. Chi sbaglia paga nelle forme prescritte dalla legge. Che pena leggere commenti affrettati e ingenerosi per dispute politiche o per regolare conti personali".

Tags

Commenti

Commenta anche tu