La tentazione della Lega: un ribaltone a palazzo Chigi

La tentazione della Lega: un ribaltone a palazzo Chigi
Inside Over
23 Maggio Mag 2019 26 giorni fa

I leghisti pronti per il dopo-Europee. L'allarme di Giorgetti: "Il governo non può vivere in stallo: verrà la grandine, i deboli cadranno"

La tensione nel governo si fa sentire sempre di più. I continui dissidi tra M5s e Lega stanno mettendo a rischio la tenuta dell'esecutivo. Ed è in questo quadro che dalla sponda grillina e da quella leghista iniziano ad arrivare strane "tentazioni" che possono portare anche ad un clamoroso ribaltamento dei poteri di forza nell'esecutivo. Come riporta un retroscena di Repubblica all'orizzonte potrebbe esserci un cambiamento a Palazzo Chigi. Fate attenzione a queste parole di Giorgetti riferite a Salvini: "Così non si può andare avanti Salvini per sua natura nel Palazzo non ci vorrebbe stare. Ma se arriva il plebiscito credo che dovrà farsi carico dell’onere e dell’onore di rivestire un ruolo superiore rispetto a quello ricoperto oggi". Parole chiare: tra le righe spunta l'idea di un nuovo premier e che probabilmente col nome di Matteo Salvini. Tutto ruota attorno al risultato che potrebbe arrivare dalle urne del 26 maggio. Le Europee sono il banco di prova principale per i gialloverdi e il verdetto del voto non può che avere conseguenze sul governo. E così Giorgetti avrebbe detto la sua im modo esplicito: "Nelle ultime tre settimane qualcosa non ha funzionato. Lo confermano anche i sondaggi. Se diventiamo primo partito, nessuno potrà trascurare questo dato di fatto. Con il 30 per cento, pesi di più rispetto a chi ha il 25. Dovremo tenere conto delle opinioni del Paese reale che si è stancato e vuole cambiare".

Conte in questo quadro prova a difendere la poltrona. In questa settimana ha cercato spesso la sponda del Colle per mitigare il decreto Sicurezza Bis ed è convinto che il bersaglio post voto sia proprio lui: "Se la prenderanno con me, chiederanno la mia testa — avrebbe detto — Diranno che serve un’altra guida per il governo, che non sono più equidistante, che gli equilibri sono cambiati". I grillini sono già in allarme e guardano anche alle mosse di Giorgetti. Il sottosegretario potrebbe avere ambizioni da Palazzo Chigi e questo agita e non poco Di Maio&Co. "Non farò mai il premier", ha fatto sapere Giorgetti sgomberando il campo da scenari da ribaltone. Salvini a Radio Anch'io ha smorzato i toni: "Io chiedo il voto per cambiare l'Europa, non chiedo mezza poltrona in più. Certo se la Lega sarà il primo partito in Italia e in Europa" la flat tax "sarà la priorità". Ma sempre Giorgetti in un'intervista al Corriere traccia una "profezia" sul futuro dell'esecutivo: "Il governo non può vivere in stallo, verrà la grandine e i deboli cadranno". E la pioggia di maggio non è ancora finita...

Tags

Commenti

Commenta anche tu