Napoli, asportato teratoma di 1 kg a bambina di 11 anni

Napoli, asportato teratoma di 1 kg a bambina di 11 anni
Inside Over
12 Giugno Giu 2019 6 giorni fa

Una equipe medica mista è riuscita ad asportare un teratoma di 1 kg posizionato tra cuore e polmone ad una bimba di 11 anni. La piccola paziente è già stata dimessa dalla rianimazione

Un eccezionale intervento chirurgico è stato portato a termine da un'equipe mista composta da chirurghi, anestesisti e infermieri dell'ospedale pediatrico Santobono e del Cardarelli di Napoli. Gli specialisti, infatti, non senza difficoltà sono riusciti ad asportare un teratoma di 1 kg da una bambina di 11 anni.

La piccola paziente si era rivolta agli pneumologi del Santobono perché accusava un lieve dolore al petto e una leggera difficoltà respiratoria​. I medici, dopo aver visionato il referto dell'esame radiologico, avevano ipotizzato la presenza di un teratoma posizionato tra il cuore e il polmone. Data la peculiarità dell'intervento, l'equipe chirurgica del Santobono ha chiesto la collaborazione dei colleghi del Cardarelli. ​

"La dimensione della massa da asportare e la posizione – ha dichiarato Giovanni Gaglione, primario della chirurgia del Santobono, - ci hanno spinto a chiedere la collaborazione all'equipe di chirurgia toracica del Cardarelli guidata da Gianluca Guggino. Mettendo insieme le esperienze delle due equipe siamo riusciti a intervenire con un solo taglio sullo sterno, senza dover praticare un secondo taglio sul fianco per aprire l'intera cassa toracica. Ringrazio tutti i colleghi per l'elevato livello di collaborazione e disponibilità evidenziato".

L’operazione era considerata particolarmente complicata in ragione della posizione, della dimensione e della rarità di questo tipo di teratoma. La massa, di circa 15x20cm e dal peso di 1 kg circa, era posizionata nella cassa toracica e risultava asintomatica.​

Grazie al tipo di intervento realizzato la bambina è già stata dimessa dalla rianimazione ed è ospitata ora nel reparto di chirurgia del Santobono. Le sue condizioni appaiono soddisfacenti e si prevede che possa essere dimessa nell'arco di una settimana. ​

​​"Siamo stati felici di collaborare coi colleghi del Santobono​ – ha affermato Guggino -​ condividendo ed integrando le esperienze e le competenze. Le nostre equipe si sono perfettamente integrate nel corso dell'intervento, evidenziando come sia possibile lavorare insieme avendo come unica finalità il miglioramento dell'assistenza​".​

Tags

Commenti

Commenta anche tu