Grecia, l'isola dell'Oscar "Mediteranneo" set dello scontro energetico con la Turchia

Grecia, l'isola dell'Oscar Mediteranneo set dello scontro energetico con la Turchia
Inside Over
13 Giugno Giu 2019 13 giorni fa

Ankara viola i trattati internazionali a caccia di gas a Kastellorizo

Atene Dal set di Gabriele Salvatores in Mediterraneo, a pietra dello scontro geopolitico su scala mondiale. L'isola greca di Kastellorizo, ultimo avamposto orientale ellenico, è di fatto al centro del dossier energetico, con le super potenze che accendono un fascio di luce sull'atollo che grandi emozioni suscitò in quella pellicola.

Il presidente turco Receyp Erdogan annuncia che lì invierà provocatoriamente una delle sue navi perforazione, a caccia di gas così come sta facendo a Cipro, ma contravvenendo in questo modo a leggi e trattati internazionali. Ankara punta, pur senza averne alcun diritto, alle immense risorse di gas naturale presenti nell'Egeo e nel Mediterraneo orientale: e in questi due quadranti rivendica la sovranità sulle isole, contravvenendo al Trattato di Lisbona che invece delineò quei confini dopo la Prima Guerra Mondiale. Insomma, Erdogan critica quel trattato perché non gli consente di partecipare al nuovo business energetico che, per quantità e qualità delle risorse, determinerà la geopolitica di alleanze e influenze nel Mare Nostrum dei prossimi trent'anni. Una mossa che potrebbe avere non poche ripercussioni, perché segue lo schiaffo di Ankara all'Ue sulla crisi a Cipro. La Turchia infatti ha deciso di ignorare i richiami di Lady Pesc e di una buona metà delle cancellerie europee perforando abusivamente nelle acque della Zona economica esclusiva di Cipro, che il governo di Nicosia ha invece legittimamente affidato tramite una gara internazionale ai tre colossi di Eni, Exxon Mobile e Total.

Cosa cerca dunque Ankara? C'è chi dice l'incidente o lo scontro aperto: ma sta di fatto che nel frattempo attorno al gas, e al fine di diversificare l'approvviggionamento energetico per l'Ue, si è coagulato un triumvirato formato da Israele, Grecia e Cipro che, con la benedizione del Dipartimento di Stato Usa, ha fatto rete per gestire risorse e sfruttamento in chiave armonica. Una squadra che sta marciando, politicamente ed economicamente, compatta come dimostra l'interlocuzione con un altro player strategico di quella macro regione: l'Egitto. Tra l'altro Il Cairo e Nicosia si scambieranno 2.000 megawatt di alta tensione costante, grazie a un nuovo progetto, l'interconettore euro-africano.

Dopo il gasdotto Tap, che porterà il gas azero in Puglia, il Tanap tra Grecia e Bulgaria, a cui partecipa Snam, e i lavori per l'Eastmed, che sarà il più lungo in assoluto ma con il neo delle mille incertezze italiane, ecco che gli appetiti turchi non si smorzano. Anzi, sono destinati a incrementarsi perché nel frattempo Eni e Total stanno puntando anche oltre il blocco 7 di Cipro che si sono aggiudicati. E in Grecia è sorto un atollo interamente dedicato alla rigassificazione.

La strategia di Erdogan è nota da tempo, farsi interlocutore del quadrante euroasiatico ma puntando a scomporre e contando su due nuovi progetti: la prima centrale atomica che Rosatom sta realizzando ad Antalyya (di fronte a Cipro) e il gasdotto Turkish Stream che connetterà Russia e Turchia bypassando l'Ucraina. Nel mezzo le mosse provocatorie nel Mediterraneo, dove ha intrapreso la via della provocazione costante. Da un anno i caccia turchi e i nuovi droni made in Turkey sconfinano quotidianamente nei cieli ellenici, con l'incidente sfiorato più volte con l'aviazione di Atene, che l'anno scorso perse un pilota di Mirage. Stesso dicasi per il dossier migranti, mai chiuso del tutto, con la spada di Damocle di centinaia di migliaia di profughi che Erdogan potrebbe decidere di lasciar partire per la Grecia e quindi per l'Europa.

Commenti

Commenta anche tu