Morgan, sfratto rinviato. La causa? Un malore

Morgan, sfratto rinviato. La causa? Un  malore
Inside Over
14 Giugno Giu 2019 4 giorni fa

Lo sfratto di Morgan dalla casa in cui risiede in via Adamello 8 a Monza è stato rinviato: la causa, pare, un improvviso malore del cantautore

Era previsto per oggi, 14 giugno, lo sfratto di Morgan dalla sua abitazione in via Adamello 8 ma, secondo le ultime notizie, pare che tutto sia stato rimandato.

Solo nelle ultime ore, il cantautore aveva lanciato un appello a tutti i suoi fan affinché venisse organizzato un flash mob per impedire al tribunale di Monza di rendere esecutivo il mandato di sfratto stabilito, a fine 2017, in seguito a dei problemi economici del cantante e delle presunte tasse non pagate. Morgan aveva presenziato nei vari salotti televisivi denunciando la situazione e sostenendo che tutto fosse inaccettabile, invocando anche l’aiuto delle sue due ex compagne, Jessica Mazzoli e Asia Argento, quest’ultima indicata come la causa principale della decisione emessa dal Tribunale lombardo.

Come riportato da Fanpage, però, pare che lo sfratto previsto per oggi, sia stato rimandato e che per il momento Morgan potrà rimanere nella sua abitazione in via Adamello. Il motivo del rinvio pare sia stato l’arrivo di un medico sul posto, chiamato – probabilmente – per soccorrere il cantautore colto da un improvviso malore. Sul luogo, come si apprende, sono giunti in difesa di Morgan molti amici, tra cui Andy dei Bluvertigo, tantissimi curiosi e altrettanti giornalisti. Dopo l’arrivo del medico, inoltre, presso l’appartamento monzese in cui Marco Castoldi risiede, è arrivato anche il suo legale, oltre all'ufficiale giudiziario presente da questa mattina e ai carabinieri di Monza. Si dice, inoltre, che un generoso vicino di casa dell’artista, gli abbia offerto ben due appartamenti dove poter andare a vivere dopo lo sfratto, ma pare che Morgan abbia gentilmente declinato la proposta scegliendo di continuare a stare nella casa dalla quale dovrebbe essere mandato via.

Commenti

Commenta anche tu