Oman, silurate due petroliere Washington accusa Teheran

Oman, silurate due petroliere Washington accusa Teheran
Inside Over
14 Giugno Giu 2019 13 giorni fa

Gli equipaggi salvati dalla flotta Usa. Nell'area passa il 40% del greggio verso l'Occidente: prezzi su del 4%

Precipita la situazione nella strategica area del Golfo Persico dopo che ieri mattina due petroliere sono state attaccate al largo dell'Oman. Gli Stati Uniti accusano l'Iran dell'azione criminale, che segue una simile ma meno grave accaduta nella stessa area il mese scorso. Teheran nega, appoggiata dalla Russia che invita a «non trarre conclusioni affrettate». Conclusioni che ha invece già tratto l'Arabia Saudita, impegnata nello Yemen in un conflitto a distanza con gli iraniani che sempre più spesso sconfina sul suo territorio: «Sono 40 anni ha detto il ministro degli Esteri di Riad che l'Iran semina caos e morte nella regione». Mentre il prezzo del petrolio si è già impennato del 4%, evidente il rischio che questo episodio possa innescare una escalation in un'area da cui passa un terzo del petrolio trasportato via mare verso l'Occidente. L'ayatollah Khamenei rifiuta di raffreddare il clima: «Con Trump non parliamo», ha tagliato corto. Un conflitto che vedesse coinvolti l'Iran e l'Arabia Saudita sarebbe molto più pericoloso di quello latente in Medio Oriente da decenni.

Le navi, la Altair appartenente a una compagnia norvegese e la Kokuka Courageous a una giapponese, sono state colpite con siluri, in attacchi coordinati e mirati che hanno costretto gli equipaggi alla fuga. La Altair, che era diretta a Taiwan e aveva da poco caricato 75mila tonnellate di nafta in un porto degli Emirati Arabi Uniti, è stata colpita tre volte e ha preso fuoco, ma non è affondata. La Kokuka, con il suo carico di metanolo pure effettuato negli Emirati, è stata silurata una prima volta, poi inseguita e nuovamente colpita: un marinaio giapponese è rimasto ferito. Unità militari della Quinta Flotta americana, basata nel Bahrein, sono intervenute in soccorso e hanno portato in salvo decine di persone che avevano preso il mare su scialuppe. Un dirigente statunitense coperto da anonimato ha definito «palesemente falsa» la notizia diffusa da Teheran secondo cui la Marina militare iraniana avrebbe salvato gli equipaggi: semmai, ha detto, possiamo considerarli loro prigionieri. Il governo di Washington sta valutando la situazione, ma considera «molto probabile» il coinvolgimento dell'Iran.

L'Iran da parte sua non solo nega ogni coinvolgimento, ma punta il dito contro «la tempistica più che sospetta degli attacchi», avvenuti mentre il premier giapponese Shinzo Abe si trova a Teheran per il suo primo viaggio ufficiale. L'allusione è nei confronti dei sauditi, che secondo Teheran avrebbero interesse a far credere a una responsabilità iraniana che potrebbe fornire un pretesto per un attacco americano. Ipotesi quanto mai preoccupante, e che si verificherebbe dopo oltre un mese di crescenti tensioni nella regione, già da anni teatro di contrasti fortissimi tra Iran e Stati Uniti: risale al 5 maggio l'annuncio dell'invio nel Golfo di una task force Usa composta dalla portaerei Lincoln e da bombardieri. Tre giorni dopo, Teheran risponde minacciando di riprendere la produzione di uranio arricchito, allontanandosi così dall'intesa per fermare la costruzione di bombe atomiche. Trump reagisce ordinando una raffica di sanzioni.

Il 12 maggio è la volta di quattro «misteriosi» sabotaggi ai danni di due petroliere saudite e di altre due navi: gli attacchi avvengono al largo del porto di Fujairah, l'unico di cui dispongono gli Emirati sul Golfo dell'Oman e strategico perché consente di aggirare lo stretto di Hormuz che l'Iran minaccia ciclicamente di bloccare per chiudere le forniture di petrolio. È un episodio inquietante, la cui responsabilità viene attribuita a Teheran dai sauditi, che il 30 maggio organizzano un summit arabo durante il quale ottengono sostegno contro l'Iran. Gli schieramenti per un potenziale conflitto si delineano, e gli attacchi di ieri potrebbero rappresentarne la miccia.

Commenti

Commenta anche tu