Un nuovo esodo dalla Libia: "100mila profughi pronti a venire in Italia"

Un nuovo esodo dalla Libia: 100mila profughi pronti a venire in Italia
Inside Over
14 Giugno Giu 2019 2 giorni fa

In Libia si continua a combattere dallo scorso aprile, e mentre si aggrava la crisi umanitaria il rischio è quello di una nuova ondata migratoria sulle nostre coste

Italia. È il mantra che si sente nelle strade di Tripoli, dove centomila tra migranti e sfollati aspettano di raggiungere la terra promessa. Dall’altra parte del Mediterraneo c’è una bomba ad orologeria che rischia di scoppiare da un momento all’altro. È la Libia, logorata dagli scontri, dove si combatte da mesi un conflitto a bassa intensità. Da quando lo scorso aprile le truppe del generale Khalifa Haftar hanno lanciato una nuova offensiva su Tripoli, nessuno ha interesse a fermare le parti in campo. È una guerra per procura, e la pace in questo momento non conviene a nessuno. Non alla Turchia e al Qatar, che smerciano tonnellate di armi ai miliziani di Tripoli, non al Cairo e a Riad, che fanno lo stesso con Haftar, non a Parigi che vedrebbe di buon occhio un ribaltone del generalissimo della Cirenaica per salvaguardare i propri interessi strategici. E neppure agli Stati Uniti, che non ne vogliono sapere di rimanere invischiati nel pantano libico. Così l’Italia potrebbe ritrovarsi una Siria alle porte di casa.

Tra i rischi c’è quello di un nuovo esodo. A fine aprile oltre 40mila persone, secondo i dati dell’UNHCR, hanno lasciato la capitale per sfuggire agli scontri. Una catastrofe umanitaria che si aggrava ogni giorno di più, con oltre 650 morti dall’inizio della seconda guerra civile. E se finora la politica dei porti chiusi e la stretta sulle Ong hanno dato i propri frutti facendo crollare dell’85,05% gli arrivi sulle nostre coste, gli scontri che continuano e l’estate alle porte potrebbero provocare una nuova ondata di sbarchi. “Anche se le partenze sono diminuite, non è detto che con il bel tempo e per effetto dello stesso conflitto la bomba migranti non possa riesplodere, visto che nel Paese ci sono almeno 100mila profughi”, assicura Fausto Biloslavo, corrispondente di guerra del Giornale e autore della graphic novel Libia Kaputt, presentata mercoledì scorso in Senato.

Per effetto delle politiche messe in campo dal ministero a trazione leghista, dal primo gennaio ad oggi, hanno messo piede in Italia soltanto 2144 migranti. Nello stesso periodo del 2018 eranostati oltre 14mila. L’instabilità nel Paese nordafricano, però, rischia di invertire il trend. Ne sono consapevoli anche al Viminale, visto che nelle prossime settimane da Roma arriveranno altri dieci mezzi destinati alla guardia costiera libica per il pattugliamento delle acque territoriali. “A causa della guerra è diminuito il controllo sulle coste, quindi quello che si era riusciti a fare prima, cioè fermare gli sbarchi, oggi non si riesce più a fare”, spiega a IlGiornale.it Francesco Semprini, corrispondente de La Stampa, volato nelle scorse settimane a Tripoli per seguire da vicino i combattimenti.

Anche gli sbarchi fantasma sono passati da 52 a 44 nel 2019. Soltanto nei giorni scorsi, però, almeno un centinaio di migranti hanno tentato di raggiungere le spiagge siciliane e calabresi a bordo di piccole imbarcazioni. “È un pericolo – spiega Biloslavo – perché questa rotta, come è stato già documentato, potrebbe essere sfruttata anche dai terroristi”. “Io stesso – aggiunge – ho pubblicato le foto di un barchino partito da un porto ad est di Tripoli, a bordo c’erano alcuni uomini armati che si dirigevano verso nord”. All’interno delle fazioni in lotta, infatti, continuano ad infiltrarsi i gruppi integralisti. Per questo, abbandonare la Libia nelle mani delle milizie vuol dire anche lasciare campo libero ai jihadisti, dall’Isis ad Al Qaeda nel Maghreb Islamico, passando per Boko Haram, che controllano anche i flussi migratori dal Sahara.

Oltre alla sicurezza nazionale, in ballo ci sono le nostre risorse strategiche. Basti pensare che, nel 2017, quasi il 20% della produzione di Eni è arrivata dal complesso di Mellitah, tra Tripoli e Sabrata, dove ora si combatte metro per metro. E se un intervento militare italiano è fuori discussione perché, spiega il generale Marco Bertolini, “complicherebbe la situazione sul terreno oltre ad essere troppo dispendioso”, l’unica via che resta per stabilizzare il Paese è quella della diplomazia. Varare un “Piano Marshall” per i Paesi africani e rilanciare il dialogo con Haftar, secondo gli esperti, sono tra i punti chiave di una strategia di lungo termine per risolvere la crisi. È l’uomo forte della Cirenaica, infatti, che “assieme ai Touareg e ai Toubu, controlla i confini porosi del Fezzan e può gestire i flussi migratori dall’Africa subsahariana”, spiega il generale.

Tra immigrazione, instabilità e rischio terrorismo una nuova iniziativa politica italiana, avverte il vicepresidente del Copasir, Adolfo Urso, senatore di Fratelli d’Italia, non è più rinviabile. Anche perché, accusa, c’è chi, come la Francia, è pronto a “rimpiazzare Eni con Total e a scatenare una tempesta di migranti sull’Italia”

Tags

Commenti

Commenta anche tu